Le riflessioni e loro incidenza sulla qualità del suono - ETEk srl

__________________________________________________________________________________________________________
menù
Vai ai contenuti

Le riflessioni e loro incidenza sulla qualità del suono

Prodotti






.
“Credo che la musica, in qualunque lingua venga scritta, sia per tutto il mondo.”
PAU DONÉS

Le Riflessioni e loro incidenza sulla qualità del suono
 
Le riflessioni sono la principale causa d’incidenza sulla qualità del suono riprodotto.
 
Nessun diffusore, amplificatore, cavo può generare, nemmeno lontanamente, gli effetti prodotti dalle riflessioni. Esse influiscono in maniera determinante sul bilanciamento tonale, introducendo il cosiddetto shading di spettro e modifiche sulla timbrica. Se non controllate, le riflessioni rendono l’ascolto della musica fastidiosa e affaticante, anche solo a livello inconscio.
 
In questa breve esposizione sull’argomento, prenderemo come riferimento una camera di 4mt per 5mt dove l’ascoltatore sarà posto al centro della stessa, di fronte alla sorgente sonora.
 
Quando un’onda sonora si propaga nella stanza, raggiunge l’ascoltatore in diversi modi. Il primo suono che arriva all’ascoltatore è quello diretto, cioè quello che viene emesso dai diffusori e raggiunge l’ascoltatore per primo. È il suono che compie il percorso minore e qualitativamente è il migliore.
 
Con un certo ritardo, arrivano i suoni indiretti, ovvero quei suoni che rimbalzano sulle pareti, sul soffitto, sul pavimento, sui vetri. Questi suoni arrivano all’ascoltatore compiendo un tragitto più lungo e sono qualitativamente differenti perché, a seconda dei rimbalzi, perdono una parte della loro energia iniziale e acquisiscono caratteristiche diverse.
 
Le riflessioni si distinguono in due categorie: riflessioni ritardate e riflessioni primarie.
 
Le riflessioni ritardate sono quelle che arrivano all’orecchio dell’ascoltatore con un ritardo compreso tra i 35 e gli 80 msec rispetto al suono diretto, dopo aver compiuto più rimbalzi.
Il loro apporto è positivo perchè creano piacevoli sensazioni di spazialità e profondità.
 
Le riflessioni primarie sono quelle che arrivano all’ascoltatore con un ritardo inferiore ai 20/25 msec rispetto al suono diretto, ed il loro apporto è negativo, generando una sensazione di fastidio inconscio, specie dopo un ascolto prolungato.
 
La pericolosità delle riflessioni primarie è dovuta al loro livello di energia, simile a quello del segnale diretto. Esse innescano una serie di fenomeni come interferenze e sfasamento tra onde sonore, sovrapposizione di frequenze, variazione del volume percepito che influiscono sulla dinamica e sul bilanciamento del suono originale, stravolgendolo in termini spaziali e temporali. Il risultato è noto come “effetto pettine” e, in termini grezzi, “impasta il suono”.

 
Le riflessioni primarie incidono per circa il 70% sulla qualità finale del suono.
 

I punti di prima riflessione, devono essere studiati e trattati. La soluzione più semplice ed efficace è quella di utilizzare più pannelli assorbenti, di diversi spessori, dai 4 fino ai 20 cm, in base alle frequenze su cui intervenire.
L’assorbimento da solo, però, non basta. Per conservare gli effetti positivi delle riflessioni ritardate e creare un ambiente acusticamente confortevole, bisogna utilizzare anche i pannelli diffondenti. Essi diffondono le onde sonore delle riflessioni ritardate in molteplici direzioni, più uniformemente possibile.
Un pannello diffondente permette letteralmente di “aprire” la camera, dando un senso di tridimensionalità sonora, percependo un ascolto qualitativamente superiore.
Un progetto ben curato, con la giusta collocazione di pannelli assorbenti e pannelli diffondenti, trasforma qualsiasi ambiente idoneo ad ascoltare musica di qualità superiore e a non “sentire suonare” un impianto.

ETEK s.r.l.
Viale Caduti di Nassirya 8
70124 Bari
Tel. 080.5061090 - info@eteksrl.it
P.I. 07998480722

contatti:
Michele De Toma 392.3890216 - michele.detoma@eteksrl.it
Michele Visentini 393.9705086 - michele.visentini@eteksrl.it
Ufficio Tecnico 080.5061090 - info@eteksrl.it
Torna ai contenuti